COS’E’ IL MACHINE LEARNING

Machine learning e autoapprendimento

Ormai è da qualche anno che lo studio sull’autoapprendimento è in continua espansione e i primi progetti stanno iniziando a dare qualche risultato, ma siamo ancora molto lontani da poter affermare che ci siano degli automi, in grado completamente di mettere a frutto l’esperienza per poter progredire a apprendere sia dal punto di vista logico che dal punto di vista relazionale in maniera completa queste caratteristiche.

APPRENDIMENTO DELLE MACCHINE

Il machine learning viene intesto come “apprendimento delle macchine” o “apprendimento automatico”.
Come apprendimento è inteso un determinato processo mediante il quale una entità acquisisce nel tempo abilità e velocità ad eseguire determinate istruzioni o compiti sempre con maggiore precisione e celerità

Ovviamente l’automa è intesa come macchina o sequenza di istruzioni che vengono fornite da un calcolatore che elabora algoritmi attraverso specifici software.

Nello specifico i software che lavorano in questo ambito, sono tenuti a elaborare una notevole quantità di dati che possano restituire come risultato una serie di combinazioni analoghe, chiamati pattern da cui è possibile individuare delle regole.

Leggi tutto

BACKUP GOOGLE

La diffusissima soluzione Android di google, ha portato tantissimi utenti a fornirsi di un account gmail con cui potersi collegare con il proprio smarphone ed accedere a tutte le funzionalità che il colosso americano mette a disposizione con i propri servizi

Ogni volta che acquistiamo un telefono nuovo o ce ne viene regalato uno con sistema operativo android abbiamo necessità di inserire il nostro account GMAIL per poter ripristinare tutte le nostre precedenti applicazioni (con google Play) e configurazioni presenti sul precedente telefono, dalla rubrica telefonica al backup di whatsapp.

BACKUP E SINCRONIZZAZIONE

Google ha implementato un tool client da installare sul proprio computer per poter allineare i dati dal PC al Cloud e vice-versa.

L’applicazione facilmente installabile e configurabile può essere reperita sul sito di google e si chiama Backup e sincronizzazione, una volta installata basterà inserire le credenziali d’accesso con il relativo account gmail e il gioco è fatto.

Di default le cartelle che verranno allineato saranno “Desktop, Documenti e Foto”, ma per necessità si potranno aggiungerne delle altre e cambiarne i parametri relativi alle dimensioni dello spazio da utilizzare.

BACKUP E SINCRONIZZAZIONE

DRIVE WHATSAPP

Una delle domande più frequenti che ci facciamo è dove viene depositato il nostro backup di whatsapp e che operazione dobbiamo eseguire per il suo ripristino.
Le risposto sono molto semplici, iniziamo dalla seconda

RIPRISTINO BACKUP WHATSAPP

Il ripristino (o tecnicamente detto il restore) del backup che whatsapp compie automaticamente sul cloud è molto semplice, si tratta di effettuare la seguente operazione dopo aver installato la comunissima applicazione Whatsapp Messanger.

Accedendo con l’applicazione di whatsapp, andiamo nel menù Impostazione>Chat e verifichiamo i parametri di frequenza dei salvataggi e della dimensione degli stessi.

La configurazione dell’app ci permetterà di configurare il backup per i soli messaggi o anche per i contenuti multimediali salvati.

backup whatsapp
backup whatsapp

Ad ogni modo, ogni qualvolta effettui il salvataggio del backup di whatsapp, tutto il contenuto viene inviato in cloud sul tuo account google, e potrai verificare che l’operazione si sia conclusa correttamente accedendo sul tuo Google Drive, sotto la voce “Copie di backup

Copie di backup
https://drive.google.com/drive/u/0/backups

All’interno della cartella troverete sia i backup di whatsapp che quelli relativi ai vostri dispositivi con cui accedete con l’account gmail specifico di questa sessione

backup android
backup android

iCLOUD APPLE

Per quanto riguarda invece i telefoni iPhone (apple) il discorso non cambia, il backup del telefono verrà effettuato su iCloud e si potrà consultare andando a richiamare la pagina del proprio profilo, accedendo con le credenziali (ID APPLE) con cui è stato configurato il dispositivo

COME DISATTIVARE SERVIZI A PAGAMENTO

Disattivare abbonamenti

Molto spesso capita che sulle nostre bollette di telefonia mobile (sia prepagata che in abbonamento), notiamo che sono stati caricati dei costi che non ci aspettavamo, quindi procediamo con la nostra spunta delle voci di spesa e notiamo che sono stati attivati degli abbonamenti che non abbiamo richiesto.

La prima cosa che spontaneamente facciamo e farci prendere dall’ira, prendiamo il telefono e cerchiamo di capire quale numero comporre per chiamare un operatore di callcenter, farci spiegare la motivazione e magari cantagliene quattro.

La ricorrenza nelle risposte dell’operatore è sempre la medesima: “mi spiace, lei ha attivato un servizio a valore aggiunto“, infatti questi servizi possono essere classificati appunto, come valore aggiunto o come “servizio a sovrapprezzo” o “VAS” o “SMS Premium“, oppure come servizio “a contenuto“.

servizio a valore aggiunto
servizio a valore aggiunto

Tali servizi sono forniti da società esterne al nostro operatore con il quale stiamo operando, ma si attivano attraverso SMS, MMS o connessione dati, di seguito daremo delle indicazioni di massima, valida per tutti gli operatori, su cosa chiedere all’operatore, affinché questi servizi vengano disattivati e non possano successivamente riattivarsi, per l’utenza telefonica per la quale stiamo chiamando.

Spesso i servizi che vengono attivati, riguardano loghi, suonerie, meteo, news, video o sfondi.

VAS

I servizi a valore aggiunto, possono essere attivati con una tariffazione di tipo giornaliera, settimanale o mensile, la cosa positiva è che possiamo richiederne il blocco al nostro operatore in qualsiasi momento, anche se il più delle volte la richiesta di rimborso non verrà accolta, in quanto lo stesso operatore dichiarerà che non è una loro iniziativa e lo stesso servizio non è erogato dalla loro azienda.

BARRING

Il costo dei servizi a sovrapprezzo, può essere bloccato con la richiesta di attivazione del barring, tale richiesta può essere fatta al proprio operatore a prescindere che sia 3, Wind, Tim, Vodafone, Iliad o altro.
La semplice richiesta che dovremmo fare verso l’operatore/operatrice è: “vorrei attivare il barring totale

TIM

https://www.tim.it/
Tim

Per i clienti Tim è possibile effettuare l’operazione di blocco chiamando direttamente il servizio clienti 119, (non vi sono costi se la chiamata viene effettuata con la sim Tim) oppure accedendo all’area clienti del sito oppure dalla pagina facebook ufficiale.

Tim consente inoltre il blocco di alcune categorie particolari di servizi a pagamento che possono essere disattivate con le stesse modalità sopra descritte, le categorie sono le seguenti:

  • VM18 (servizi sexy vietati ai minori di 18 anni)
  • Charity (sms per donazioni in beneficenza)
  • Anonimi e Scherzi (sms anonimi)
  • BL TuuTuuTIM (servizio di risponderia con suoneria)
  • Black List Ticketing (pagamento ticket autobus o altro mediante credito/conto telefonico)
  • Servizi Bancari (servizi di informazione/notifica bancaria)

A differenza degli altri operatori, per Tim sarà possibile richiedere il rimborso dell’importo dell’abbonamento attivato, tramite specifiche procedure che sono:

  • inviando un SMS gratuito al 119 specificando nel testo “Reclamo servizi VAS non richiesti
  • chiamando il 119, entro 12 giorni dall’attivazione

VODAFONE

https://www.vodafone.it
https://www.vodafone.it

I clienti Vodafone, possono richiedere il blocco dei servizi VAS chiamando il 190 (gratuito per i clienti vodafone) o dall’App My Vodafone.
Dall’app o dal sito internet sarà possibile effettuare la richiesta di disattivazione.

WIND

L’attivazione del barring per l’operatore Wind può essere fatta chiamando il 155, recandosi presso i rivenditori autorizzati Wind oppure contattando via chat l’assistenza, attraverso l’applicazione mobile Veon.
Per eventuale dettagli potete contattare il sito cliccando quì

TRE

tre

I clienti 3 potranno richiedere l’attivazione del barring, telefonando al servizio clienti 133, scrivendo in privato all’assistenza clienti della pagina facebook, oppure andando direttamente ad un centro 3Store più comodo a voi.

GOOGLE PLAY

Google Play Store

Google play è il repository princiaple della applicazioni google relativi ai sistemi operativi android, esso viene chiamato anche “Google Play Store“, la piattaforma contiene applicazioni, musica film libri e riviste, da utilizzare sui dispositivi mobili.

Piattaforma Android

Tale piattaforma è stata resa disponibile ad ottobre del 2008 e ancora oggi è uno dei link più richiamati per scaricare software o giochi dal nostro smartphone, inizialmente il “Google store” era conosciuto semplicemente come “Android Market”.
La soluzione di questo “Play store” è possibile raggiungerla sia via browser che da applicazione la quale prende appunto il nome di Play Store.

Google Store

Tale applicazione è proprietaria di Google e fa parte dei progetti OpenSource.
Google Play, dal 2008 ad oggi, ha subito varie evoluzioni, producendo nel tempo uno split per tipologia, infatti nel nostro “google store“, abbiamo la possibilità di utilizzare soluzioni differenti come

Google Play
Google Play
Google play Books
Google play Books
Google Play Film
Google Play Film
Google Play Giochi
Google Play Giochi

Google Play Musica
Google Play Musica

EFFETTUARE UNO SCREENSHOT CON WINDOWS

Procedura guidata per catturare l’immagine del desktop di windows

Effettuare la stampa della schermata di windows è un’operazione al quanto semplice quanto veloce.

Catturare lo schermo, è possibile farlo per tutto lo sfondo del nostro desktop oppure per la sola finestra attiva.

Lo strumento di cattura che andremo ad utilizzare è quello classico messo a disposizione dal nostro sistema operativo windows

Come fare uno screenshot con Windows
Strumento di cattura

per poter attivare il programma è sufficiente andare sulla lente di ricerca di windows e digitare la parola capture , se avete il sistema operativo in italiano, potete digitare anche la parola cattura e battere il tasto invio.

Spesso quello che da tanti viene chiamato impropriamente lo “screen computer” è semplicemente la fotografia di quello che stiamo vedendo esattamente nel nostro pc in un preciso istante.

Attraverso questo programma, una volta in esecuzione potete cliccare sul pulsante “nuovo“, come da figura e iniziare a selezionare l’area che vi interessa catturare.

screen computer
cattura nuovo
Come fare uno screenshot con Windows
cattura immagine selezionata

A questo punto si può decidere di salvare il contenuto della cattura oppure incollarlo sul applicazioni di produzione immagini come potrebbe essere il classico paint disponibile su tutti i sistemi operativi windows

Nel caso fosse sufficiente quanto catturato con lo strumento di cattura, possiamo salvarlo attraverso la selezione del menù “salva con nome“, con il formato che più ci piace.

I formati possibili da utilizzare sono PNG, GIF, JPEG (JPG) HTML (MHT).

screen computer
SALVATAGGIO FILE IMMAGINE

Lo strumento di cattura windows è molto semplice e veloce da utilizzare, ma nulla ci vieta l’utilizzo del classico tasto di stampa di cui dispongono tutte le tastiere italiane, su cui può esserci scritto “Stamp“, oppure “Prt Sc“, oppure “Print Screen

Come fare uno screenshot con Windows
Tasto print-screen

Nel caso volessimo selezionare la stampa della sola finestra attiva in quel momento, sarà sufficiente premere contemporaneamente al tasto di stampa, anche il tasto ALT, quindi la combinazione sarà ALT + STAMP

Per eventuali dettagli riguardo il metodo di cattura immagine, potete consultare la guida Microsoft

Come recuperare file cancellati


Prima di procedere nel dettagliare l’operazione di recupero dei dati, accidentalmente andati persi o cancellati, dobbiamo avere evidenza di come i files possono essere cancellati dal nostro supporto Hard-disk o chiavetta.
Esistono due modalità di cancellazione del dato, la modalità logica e quella fisica.
Dobbiamo sapere che ogni filesystem (struttura file), ha una sua modalità di categorizzazione dei files chiamato MBR.
I files vengono salvati in una posizione specifica del disco (chiamata allocazione file) riportati nel PBR.


Per i curiosi che volessero approfondire meglio questo concetto, possono fare riferimento al dettaglio MBR.
Quando il file viene cancellato dall’utente durante il normale utilizzo del nostro sistema operativo, l’operazione che viene eseguita è la cancellazione del riferimento dal PBR, cioè dal nostro registro dove sono riportate le coordinate della posizione del file sul nostro disco, ma il file esiste ancora.


Nonostante il file è ancora fisicamente presente, se dovessimo continuare ad utilizzare il sistema, i dati fisici del file potrebbero venire ricoperti da informazioni di un nuovo file che chiediamo di salvare, in quanto il primo non esiste più dal punto di vista logico.

Cancellazione files tramite formattazione

Nel caso avessimo effettuato una cancellazione attraverso una formattazione, non sarà possibile recuperare i dati con i normali software di recupero.

Programma di recupero dati cancellati

Recuva

Uno dei software free, per il recupero dei dati cancellati è RECUVA, tale software permette il recupero dei file cancellati, se gli stessi non sono già stati ricoperti da nuovi files caricati.
Il software RECUVA è possibile scaricarlo al seguente link .

Scarica CCleaner gratis

Alcuni dettagli del software potete reperirli al link di Wikipedia

Recuva Wiki.
L’intera procedura d’installazione è possibile reperirla cliccando su Installazione Recuva.

COME SBLOCCARE LA SIM DEL TELEFONINO

RECUPERO CODICE SIM


RECUPERO CODICE PIN

Smarrire il codice PIN è capitato spesso a tanti di voi, quando capita ci si sente impotenti e il disagio è notevole, in quanto non abbiano più la possibilità di collegarci alla rete telefonica del nostro carrier, avendo il nostro TELEFONO BLOCCATO.


Se abbiamo ancora disponibile la tessera che conteneva la sim allora non ci sono problemi, possiamo semplicemente reperire il PIN, se invece, sono stati effettuati più di 3 tentativi di inserimento PIN, ci chiederà di inserire il codice PUK che è riportato anch’esso sulla stessa tessera (con 10 tentativi a disposizione).

TELEFONO BLOCCATO
TELEFONO BLOCCATO

I due codici, ovviamente, sono coperti da una patina argentata che è sufficiente rimuovere con una monetina, così come si fa con il gratta e vinci.

RECUPERO CODICE SIM

SIM TELEFONICA

Recupero codice PUK
(Personal Unblocking Key)

Nel caso avessimo smarrito anche il PUK, non ci rimane che contattare il nostro carrier telefonico per il recupero dei codici.
L’operazione di recupero, dovrà essere fatta dall’intestatario del contratto relativo alla numerazione per il quale si sta operando.
Quando verrete a contatto con l’operatore di contact center, vi verranno chiesti dati anagrafici e dettagli del contratto stesso.

Di seguito alcuni link dei carrier per la procedura di recupero puk

Vodafone, clicca quì
Tim, clicca quì
Tre, clicca quì

Ad ogni modo il consiglio che vi possiamo dare, anche se sembra scontato è quello di custodire sempre la tessera che contiene la sim, dopo averla acquistata

Questo è l’unico modo certo per evitare l’acquisto di una nuova tessera per un costo non inferiore a € 10.

Se avete bloccato il telefono, ma avete recuperato il PIN e il PUK, soltanto per l’operatore TIM potete inserire la sequenza di stringa, sotto riportata per lo sblocco.
A questo punto inserisci questo codice che ti permetterà di cambiare il PIN con uno a tuo piacimento e sbloccare la scheda

**05*PUK*PIN*PIN#

COME SCARICARE MUSICA GRATIS


Come scaricare mp3 da youtube

Spesso abbiamo bisogno durante i viaggi in auto in aereo oppure mentre siamo rilassati, di ascoltare musica, audio-libri o corsi di qualsiasi genere presenti su youtube, ma non abbiamo la possibilità di collegarci oppure vogliamo evitare di tenere il nostro dispositivo con il display acceso perché non abbiamo Youtube Prime, la soluzione sotto dettagliata è quella giusta che fa per te.

L’operazione che andremo a dettagliare in questo articolo, consente di scaricare in formato mp3, la parte audio di qualsiasi video che trovate su youtube.
Non ci sono grosse operazioni da effettuare, basta semplicemente essere connessi ad internet, individuare il video di cui volete scaricare l’audio e il link del programma che andremo ad utilizzare, il cui nome è “YoutubeMp3 Converter“, che potete richiamare dal link https://youtubemp3.today.

Come scaricare musica gratis
Come scaricare musica gratis

Passaggi per scaricare musica free

Vediamo i pochi semplici passaggi da fare per scaricare gli mp3 che abbiamo individuato su youtube, ipotizziamo di voler scaricare l’inno di Mameli, andiamo su youtube “www.youtube.com” e nella barra di ricerca scriviamo “fratelli d’italia inno“, a questo punto andiamo sul primo risultato trovato, clicchiamo sull’immagine e con il tasto destro selezioniamo “copia indirizzo link” che sarà https://www.youtube.com/watch?v=AcI2IdHhEHE.

Come scaricare musica gratis
Come scaricare musica gratis

Adesso andiamo sulla pagina del programma sopra citato (YoutubeMp3 Convert) all’indirizzo https://youtubemp3.today e copiamo dentro il link del video come da figura.

Come scaricare musica gratis
Come scaricare musica gratis

Selezioniamo il massimo del campionamento che è 320Kbps (se la qualità è già bassa il sistema lo estrarrà con quella presente nel file audio), clicchiamo sul quadratino verde e attendiamo il completamento della conversione.

Come scaricare musica gratis
Come scaricare musica gratis

A operazione ultimata, l’applicazione presenterà un pulsante verde “Download file” per poter scaricare il file mp3 appena prodotto, premete il pulsante e scegliete la posizione del vostro HardDisk o pendrive dove posizionare il vostro file audio e gustarvi tanta
free music

Come scaricare musica gratis
Come scaricare musica gratis

Buon ascolto.

Reimpostare la password di windows 7 (dimenticata)

reset password windows 7






A tutti sarà capitato di non ricordarsi la password d’accesso al proprio account di windows, nel caso abbiate il sistema operativo windows 7 la procedura di reset password può essere abbastanza celere, ma sarà necessario disporre del DVD d’installazione di windows.
Il DVD d’installazione è possibile scaricarlo al link
https://www.microsoft.com/it-it/software-download/windows7
Seguendo le istruzioni dotto riportate, la password dimenticata potrà essere recuperata.

Andiamo adesso all’atto pratico e vediamo quali sono i passaggi principali

Primo passaggio

Sincerarsi che la sequenza di boot abbia come primo dispositivo d’avvio il DVD/CD Rom, tale operazione è possibile verificarla accedendo al BIOS

Secondo passaggio

Accendere il pc con il DVD d’installazione di Windows inserito e selezionare la voce “Ripristina Computer

Terzo passaggio

Selezionare “Prompt dei comandi” ed effettuare questa istruzione digitando il seguenti comandi:
copy c:\windows\system32\sethc.exe c:
copy c:\windows\system32\cmd.exe c:\windows\system32\sethc.exe
una volta terminati i comandi riavviate il computer

Quarto passaggio

Una volta arrivati sulla mappa di login, premete per cinque volte il tasto “Shift” e successivamente digitare il seguente comando:
net user NomeUtente NuovaPassword
Dove inserirete al posto di “NomeUtente” il nome dell’utente a cui volete modificare la password (anche Administrator se volete cambiare quello di amministratore) e al posto di NuovaPassword la password che avete scelto di attribuire a quell’utente.
Una volta terminata l’operazione, annotatevi la nuova password configurata ed eseguire i comendi seguenti:
copy c:\sethc.exe c:\windows\system32\sethc.exe
del c:\sethc.exe

togliete il DVD, riavviate il computer e al primo accesso potete accedere correttamente con la nuova password.

Torna alla pagina principale e visita altri contenuti
https://www.comprogiusto.it/SolutionWord/

COSA FARE SE TI RUBANO IL CELLULARE






In caso di furto del telefono cellulare,è necessario bloccare la scheda SIM e cancellare tutti i dati presenti.
Tale operazione è possibile effettuarla via web, ma per poter essere abilitato sarà indispensabile eseguire delle operazioni
Tutti i telefoni cellulari, sono dotati del codice a 15 cifre IMEI che possiamo trovare sia sulla scatola che lo contiene sui sulle impostazioni del telefon o stesso, digitando sulla tastiera del dispositivo *#06#, ovviamente questa operazione è possibile effettuarla soltanto se siamo in possesso del telefono.

Cosa fare se ti rubano il cellulare
Cosa fare se ti rubano il cellulare

Tornando ai passi da seguire in caso di furto, dopo il blocco della SIM è quello di effettuare regolare denuncia alle forze dell’ordine.

COM BLOCCARE LA SIM

Immediatamente dopo essersi accorti di aver subito il furto del proprio dispositivo cellulare, l’operazione preliminare da compiere è quella di chiamare il nostro operatore telefonico per procedere con il blocco della SIM per evitare che gli stessi possano effettuare telefonate (magari anche minacciose) verso altre utenze.

PREMUNIRSI PER EVENTUALI FURTI

Uno degli strumenti che i produttori dei vari telefoni/sistemi operativi mettono a disposizione per avere maggiori strumenti di rintracciamento del telefono in caso di furto è quello di attivare la funzionalità di localizzazione

Cosa fare se ti rubano il cellulare
Cosa fare se ti rubano il cellulare

Per sistemi Android

Accedendo alle sezione “Sicurezza” da Google Device Manager è possibile abilitare la voce “Consenti blocco da remoto e resetta”, tale operazione provvederà a bloccare il telefono procedendo con un reset di basso livello (chiamato wipe), che eliminerà ogni traccia dei dati presenti nella memoria del dispositivo, ovviamente tale operazione non permette la localizzazione.
Per poter localizza e monitorare il telefono da remoto, se lo stesso è stato correttamente registrato su google in precedenza è possibile andare su questo link:
https://www.google.com/android/find?hl=it&u=0

Per i sistemi Iphone

Anche per i sistemi Apple, tale funzione dovrà essere stata abilitata a suo tempo, sarà sufficiente entrare nell’Apple Cloud con il proprio Apple ID e andare sulla funzione “Trova il mio IPhone” dal link https://www.icloud.com/#find